2007/06/21

Le Stupide Scimmie


"Noi imitiamo dagli altri i nostri desideri, le nostre opinioni, il nostro stile di vita." R. Girard

Non so esattamente come, nè quando ma sono riusciti a farci credere che esistiamo in base a quanto desideriamo.

Tutto, in questa civiltà grassa, obesa, colesterolosa, ulcerosa è desiderio. Tu non acquisti dei biscotti, una bicicletta, oppure un libro. Tu acquisti una personalità. E siccome sei così idiota da non potertela fabbricare da solo, te la propongono già fatta, all inclusive, senza sforzo.

Nulla è farina del tuo sacco. E' tutto preso in prestito, rubato, clonato, comprato a rate, copiato dal vicino di banco senza alcuno spirito critico.

Tutto va bene a coprire l'immenso vuoto esistenziale: autosaloni e palestre, musei e sale d'attesa dal dentista.

Anche quando dovremmo educare un figlio deleghiamo, dato che siamo del tutto incapaci: la baby sitter, la nonna, la maestra, la squadretta di basket, il professore di clavicembalo.

Poi ci lamentiamo di vivere un un mondo di idioti ed alienati che non capiscono la differenza tra un videogioco e la realtà. Bambine anoressiche che desiderano essere Barbie. Ragazzotti viziati che sognano un futuro attinto, a piene mani, da qualche reality show.

Bisogna iniziare a disimparare tutto. Ritornare ai bisogni essenziali: un tetto sulla testa, un piatto di minestra, un buon libro...

Tutto il resto è zavorra, e lo sappiamo.

1 commento:

Rumenta ha detto...

Credo che mio figlio sarà un disadattato. Come suo padre.